Videopoesia #1 | La Conseguenza di Tutto

Un video scritto, diretto, interpretato, sottotitolato, recitato, montato da Simone Molinaroli, cioè il sottoscritto, tra il 29 aprile e il 2 giugno 2017 in varie località della Toscana con l’ausilio di un telefono Huawei P9 e di Windows Movie Maker.

La conseguenza di tutto è tutto è una poesia che ho scritto nel 1995. Compresa nella raccolta “Cani al Guinzaglio nel Ventre della Balena” nel 1997 e in tutte le successive edizioni ed anche nella ristampa di prossima stampa.

Non è un inedito. Quasi. | Storia dell’Avvistamento (Lfdm a Pesaro, 15 luglio 2012)

 

Non è proprio un inedito questa “Storia dell’Avvistamento”. È quasi un inedito. Il testo uscì in versione incompleta sull’antologia  “Pro-Testo” edita dall’Editore Fara e poi completo sulla plaquette “Scritti per la Fine del Mondo” (qui e qui).  Con La Fine del Mondo l’abbiamo suonata dal vivo praticamente tutte le volte che ci siamo esibiti.

Ci sono elementi autobiografici, parti di storia patria e frammenti di mito autoprodotto. Per raccontare del difficile rapporto con la pleonastica realtà rappresentata che ci circonda. Con il suo raccontarsi fino all’esaurimento.

Questa è l’esecuzione del 15 luglio 2012 allo Zoe’ Microfestival di Pesaro.

Il video è un montaggio di materiale foto/video proprio. Non professionale.

 

STORIA DELL’AVVISTAMENTO (o della Verità)

1.
Fu avvistato un oggetto volante
che i più volenterosi identificarono
come un segno incerto, ma evidente,
dell’attenzione di qualcuno
(dio? gli alieni? altri uomini più organizzati?)
per i nostri malanni.
Altri più realisti, troppo realisti
non videro niente nel cielo quella sera
e rilasciarono dichiarazioni ufficiali
sull’abbrutimento dei costumi
e il deteriorarsi delle umane virtù,
ordinando Cocktail Martini
e vino rosso in quantità appropriata
per abolire il sospetto
che qualcosa volasse nel cielo quella sera
prima che un cacciabombardiere lo abbattesse.
2.
Una Collisione Sinfonica
nel cielo deserto.
Poi ad uno ad uno i testimoni
cominciarono a ritrattare.
Seguì il silenzio dell’estinzione
e a intervalli regolari
colpi di pistola.
( …nel frattempo la ragazza si rese conto
che l’uomo che aveva ascoltato per anni
in realtà non aveva mai parlato…)

3.
(la Ragazza pianse e l’Uomo tacque)
Seguirono anni difficili
in cui a ognuno
fu riconosciuto il diritto
di sottilizzare con tecnicismi incomprensibili
e diventare un Quadrumane Inoffensivo.
4.
La Commissione d’Indagine lavorò per anni,
quegli stessi che l’Uomo visse in silenzio.
Alla fine si potevano contare a milioni
quelli che serbavano memoria
del proprio ricordo
ma nessuno che potesse dire d’aver visto.
Di un solo Testimone Leggendario
di nascosto si narrava
dentro i bar e ai bambini nelle sere
perché non scordassero, non del tutto,
la Storia dell’Avvistamento.
(quando infine l’Uomo parlò di nuovo
la Ragazza sorrise non certa di aver compreso,
ma sicura nell’Evento
come il Tuono…)

Simone Molinaroli – LFDM
Tutti i diritti riservati © 2013

 

 

 

 

Il Complotto di Maracas | Simone Molinaroli & Jacopo Andreini | aprile 2013

 

Alla fine di una cena accompagnata dal Bardolino e dal nobile di Montepulciano Simone Molinaroli e Jacopo Andreini, certi di saperlo fare ancora, suonano una poesia. È la quasi inedita “Il Complotto di Maracas” che è stata inserita nella plaquette “Scritti per la Fine del Mondo”.

Riprende col telefono Scott Rosenberg.

 

IL COMPLOTTO DI MARACAS

In quella stanza dov’eravamo rifugiati,
qualcuno alzò una mano
per chiedere aiuto o salutare.
Qualcuno provò a parlare
in quella stanza
dov’eravamo rifugiati.
Un Complotto di Maracas ci disabituava al silenzio.
Ci parlammo con voce coraggiosa
mentre lui, Quello della Mano,
nello sfondo scompariva
dietro i musicanti.
(pensammo che fosse solo la mano
a smettere di muoversi
e non l’intero corpo)
In quella stanza
si scremarono le ambizioni,
un complotto di conchiglie e analgesìa
ci depistò, sterminò, sradicò,
terminò l’idea di progresso
il respiro e la storia stessa.
Poi tornammo nel silenzio
per cercare Quello della Mano,
che nessuno trovo mai più.

 

 

da “Scritti per la Fine del Mondo” (Ass Cult Press, 2013)

Simone Molinaroli
Tutti i diritti riservati © 2013

 

http://www.simonemolinaroli.org
http://afoforomusicclub.blogspot.it

 

dagli archivi: Suicidio-a-Mano

Un’altra traccia dagli archivi di Ass Cult Press. Io leggo Suicidio-a-Mano da “Cani al Guinzaglio nel Ventre della Balena”, Jacopo Andreini mette le musiche. Registrato a casa sua. Anno imprecisato.

 

 

 

SUICIDIO-A-MANO
Mi calpestano le visioni
le atmosfere da film giallo
cingolate e pigolanti.
Non esistono bambini impermeabili
in questo cinema dove il cielo
come un ghiacciolo si scioglie sulle mie dita.
Non esistono bambini impermeabili
nel supermarket nostalgico dei ricordi sottovuoto,
nell’ano catodico che partorisce
scuregge dentifricie e culi station wagon.
Nessuno feconda quest’epoca di catenacci
donano tutti sperma troppo freddo
sperma troppo scremato
in plastico volo nell’orizzonte automatico.
Durante il giuramento degli allibratori
il gonfaloniere del nulla annuncia la fine del mondo
e canta la-la-la
prima o poi doveva succedere.

da Cani al Guinzaglio nel Ventre della Balena” (Fara, 2009)

Simone Molinaroli
Tutti i diritti riservati © 2013

 

I Culo Negro suonano 1969 (The Stooges) – anno 2002

Fu breve la stagione dei Culo Negro.
Non più di quattro concerti, una registrazione dal vivo e un ep con quattro tracce registrato nel sotterraneo di un asilo.  Il gruppo consumava molto di più di quel che produceva. Fu quindi prodotto poco e consumato molto. Ma il ricordo che ne rimane è indelebilmente intenso.

E poi con quel nome, nell’era dell’esistenza virtuale, ci saremmo persi tra milioni di film porno e nessuno sarebbe mai arrivato a noi.

Una traccia finì su una compilation dedicata alla musica degli Stooges che la Snowdonia fece uscire nel 2003.

Qualcuno la definì “più Stooges degli Stooges”.

In quel progetto io ero il batterista e il paroliere. Ero il batterista!

Questo è il loro sito: www.snowdonia.it

Culo Negro – Anno 2002