Poesia in onore di un ten-pack di Corona

Poesia in onore (e d’amore) di un ten-pack di Corona

Investo i soldi che sono certo di avere
perché li trovo rumando nella tasca
in una sete che avrò certamente,
nel corpo che rinasce, nel presente.
Non miope, ma amore lungimirante,
per l’attuale e per la voce fuorviante,
Per il sorso che sgorga la frequenza
intoppata di voci alla cazzo
feroci sussurri e trapani atonali
che vergano senza mai parlare
sentenze e dichiarazioni formali.
Di cronache nere, forestiere e locali,
La percezione aumentata del rischio,
le babygang e l’invasione dei selvaggi
i nuovi funesti suonatori
che riescono a straziare un vecchio adagio
intonato mille volte dai vecchi marpioni.
Amore lungimirante
per il sorso manòpola che risintonizza
sulla frequenza delle cìncie e dei ramarri
che innesca la catasta per il fuoco radicale
e apre il sipario sulla nuova faccia
distesa, limpida e fiduciosa,
sul sonoro e aggraziato “andate in culo!”.

Agosto 2018

L’Oscuro Patrimonio

L’Oscuro Patrimonio (l’antefatto)

Viene il giorno e la sciarada rovina
La luce inchioda ai misfatti
chi porta L’Oscuro Patrimonio.

Cumuli d’ossa e spartizioni
Il fiuto balordo che distrusse
Scellerate generazioni.

Cumulo di colpe e compromessi
ereditate un giorno senza ragione
Senza richieste e senza spiegazione.

Cumulo d’imbarazzi e congestioni
Che i millenni non riescono a limare
Che la fuga pur veloce non distanzia

Tutto torna ed ha lo stesso sembiante
La parola cercata si dissolve
Come il sogno che credi ricordare

Ma d’essa non restano che scorie
Rifiuti, imbrogli e convinzioni
Che fanno ingorgo nel pensare.

Nell’armadio sprangato nulla entra
Tutto sembra esser sceso a patti
Ciò che conta era già successo prima.

(inedito dalla sezione “dieci resoconti” – in lavorazione, da una raccolta in lavorazione anch’essa)

tre inediti

Questi sono i tre inediti che ho inserito nell’antologia, ultima nata in casa Ass Cult Press, “Breve Antologia dal Fortòre”.

Sono tre testi nati tra il 2017 e il 2018, ancora senza una collocazione precisa.

SENZA ALCUNA VOLONTÀ

Senza alcuna volontà
Circoscritti in un silenzio minerale
Il frigorifero è una merda
La muffa si autoinveste, si autodichiara
Allegoria e assegno postdatato,
Danno collaterale e Stemma nobiliare.
C’è il sangue nelle strade
E l’addetto non si vede,
La paura tiene in tana
E il sangue sparso si sparge.
Chiamo l’assistenza ma
Transita la voce all’altro capo
Dall’imbarazzo all’arroganza ed io Immagino per lei una vita scialba
Dentro una divisa consunta
Mentre le poche giuste ragioni
Sono sgominate dal mare di quisquilie,
Rivendicazioni e moduli mal scritti
Una disfatta ben studiata
Non è un capolavoro nemmeno se riesce
Se al termine del cataclisma
Passa il camion aspiratore
Guidare nell’oscuro tremolio antelucano
Giorno di paga giorno di morte
Giorno che porta i Mali
Tra tutti il peggiore
Il compimento sempre uguale
Di un attesa mai diversa.
Passa un bicchiere poi ne passa un altro
L’allegria s’innesca.
La bottiglia è vuota e il vino ha preso il volo
Al suo posto la risonanza di una cosa cava
Assaporata molti anni prima
Poi una bottiglia nuova
Tutte le debolezze in mostra
Sono di nuovo le cinque
Daccapo sulla giostra.

NELL’ACQUE BASSE

Nell’acque basse non s’affoga
Ma nemmeno si può nuotare,
Darsi spinta, Riemergere o Tuffare.
Ed è lì che stanno i pescimòta,
I resti della piena e le zanzare.
Lo smettitore, i “lo sapevo” e i senzavita.
L’abuso edilizio smontato dalla pioggia.
Il sacchetto in mater-B e la bottiglia vuota.
Il sorriso dipinto da piazzista
che incontrato a fine giorno
C’inguaia nell’orrore, nella melma,
Nel sondaggio preventivo. nell’incrocio trafficato di pessime pensate.
Mani nel viso, vie di fatto.
O più diplomatica somministrazione
Di anestetico forte. Fortissimo.

L’AGGUATO

In agguato sulla soglia degli anni
specialisti in calcoli e ragionieri.
Tieni a mente, lo dicevo, e guarda bene
che son peggio dell’avere dei malanni.

Il bicchiere nella pioggia – inedito da “La Favola della Ricostruzione”

IL BICCHIERE NELLA PIOGGIA
​Il bicchiere nella pioggia
racconta la destinazione, l’urto,
l’esilio di un Ospite Involontario.
L’appello sgradito che il corpo non teme
e la voce non diserta.
Dover andare.
La compiutezza di ogni intento,
l’approdo finale e il disarmo,
lo scioglimento dell’equipaggio e
senza tante storie
il termine di ogni doloroso equivoco.

__________________________
© Simone Molinaroli 2016
__________________________

 

CHE FINISCA PRESTO L’INVERNO – inedito 2014

Un po’ in ritardo sui tempi di cambio delle stagioni, dal momento che sembrano essere già arrivate sia la primavera sia l’estate, ecco la mia ultima minchiatella poetica. Pensata e cominciata durante il lungo inverno di campagne elettorali invasive svincolate dalla prossimità di appuntamenti elettorali, terminata ieri mattina in sala mensa.

Con tutti i limiti imposti dalle capacità dell’autore, dalla voglia, dal tempo a disposizione, somiglia a un sonetto.

 

 
_____________

Che finiscano presto l’inverno e le brume
e con l’inverno le campagne elettorali
e con le brume i brutti musi,
i manifesti indegni, i temporali.

Che finiscano le afflizioni, l’ignominia e le affissioni,
le manfrine degli uomini peggiori,
il parolume criminale lontano dall’umano
le rivoluzioni promesse e i caporioni.

Che torni Primavera e la scintilla
che accende i corpi e ingovernata
con le vite qualunque fa la storia,

il giusto e l’eccedenza incalcolata,
la violenza che difende la ragione
la ragione da cui il diritto stilla.

 

__________________________

CHE FINISCA PRESTO L’INVERNO

inedito 2014 – di Simone Molinaroli

__________________________

Simone Molinaroli
Tutti i diritti riservati © 2014

__________________________

 

 

Ich bin ein Provinzler
Ich bin ein Provinzler