Il sindacalista è “troppa trama”

La sagra del Tortello

Il sindacalista, come la scena del corteggiamento nel film porno, è troppa trama. Ieratico come un pretonzolo e con i tempi di Celentano arringa l’uditorio provato dalla levata antelucana. Il rinnovo del contratto, dice lui, sarà complicato. Insiste sulla complicazione, 45 minuti di introduzione sulle nuove forme contrattuali immagino servano a inoculare l’ansia che fa votare senza immaginazione. Insiste. Difficoltà insormontabili ci aspettano. Ci vuole unità, il rinnovo è complicato, difficoltà, complicato, e proprio al climax della difficoltà insormontabile gli squilla il telefono. E risponde.

Mi rimetto le cuffie e ascolto Van Morrison.

Incentivare la creatività

I progetti per incentivare la creatività sono esattamente ciò che serve per annullarla o, nella migliore delle ipotesi, depotenziarla e renderla organica all’Ordine. Gli uffici e di conseguenza gli addetti alla creatività, soprattutto quella giovanile, sono il nemico più insidioso di chiunque si proponga di “creare liberamente” perché, dietro la simpatica promessa di fondi e strutture pubbliche, nasconde la catena della visione del gruppo dominante e dei suoi interessi.
È sempre necessario ricordare che, parafrasando Thomas Bernhard, lo stato produce e autorizza solo creativi di stato.

Photografia fatta da me medesimo. No copyright infringement.