Scritto nel Sogno – inedito adesso edito su disco

busta_page-0001.jpg

Scritto nel sogno è una poesia che ho scritto nel 2017 e che non ha mai trovato posto in una pubblicazione. Lo trova dentro un disco di cui sono molto orgoglioso che è “L’Apparizione del Molosso Gigante” . Un progetto covato per molti anni e che adesso nel 2021 nonostante l’età e le avversità viene al mondo.

SCRITTO NEL SOGNO

Le stagioni hanno perso riscontro.
Alla voce che chiede non segue respiro,
non canto maldestro o pietoso conforto.
Anche il corpo sembra averne abbastanza,
a momenti vacilla e perde colore,
rincùla, s’aggrotta, s’inciprignisce
rifiuta carezza, coperta ed unguento.
Perduto il contatto con l’atto iniziale
la sorgente primeva d’ogni furore
sul dòndolo stracco mastica lento
cìgola e sogna, erutta il rancore.
L’insetto sul polso suona il fischietto,
allarme e richiamo dell’ora malnata,
chiama a raccolta i compagni ronzanti
il corpo rinviene e corre al bicchiere
che innesca la luce, che porta la pace
e s’inoltra nel fitto, oscuro boscàme
dove andare è periglio e alloggia
lo sgorbio, il Parente Lontano che scansi
per téma d’aprire il varco che reca
allo specchio presàgo che tace
e d’affratellarsi al reietto, al tòrto, aberrato.
Con fare di sbirro il corpo s’invola
decolla leggiadro e lascia la base,
carica il clic e lo poggia sul piano
la musica è assente, nessuno suona,
il corpo in rivolta abbandona la zuffa
di mantidi magre e cani al mercato,
la prossimità, parole infelici, l’esiguo spazio,
la posterità che tradisce il presente.
Son scritti nel sogno trama ed ordito
su un cencio incrostato di segni incompresi
un’algebra ignota che non sa spiegare
che ancora finisce quel che è finito,
che un vuoto si oppone al vuoto allo specchio,
doppio vuoto vero solo per il gatto
che giorno dopo giorno nella tazza vede il niente,
per l’uomo nella nebbia ormai ramingo,
dentro foto ormai sbiadite,
nel disturbo di un ricordo intermittente.
Il corpo placato infine respira.
Senza risposta il breve saluto
ai volti di gesso senza domani
e poi nella capsula per il rientro, verso la casa,
madre astronave con due capitani
diretta al contempo in due direzioni
opposte ed uguali, uguali e divergenti.
Ognuno si dirige là donde l’altro proviene.

L’estate sta finendo

wp-16291462377037173113264500764165.jpg

L’estate sta finendo
ed ha il suono greve
del copertone sgonfio.

L’andatura del milite zoppo
che dette l’arto e la fede
nella causa e nel futuro

per finire storto e barlaccio
a raccontare storie cui nessuno
crederebbe se non dopo
la sesta vodka.

________________

Summer is ending
with the flat tire’s heavy sound,
the gait of the lame soldier
who gave the limb and
faith In the cause and in the future
To end up freaked out and crooked
Telling stories which no one
Would believe if not after
The sixth vodka.

“L’oscuro patrimonio (estratto)” anteprima di un progetto segreto

IMG_20210812_154851.jpg

Io, Jacopo Andreini & Gigi Fagni stiamo segretamente lavorando a una bella faccenda di cui questo modesto, ma volenteroso, contributo video non è che una parte infinitesimale.

Prima di una serie di anteprime che speriamo siano poche. Il che significherebbe che il progetto ha trovato una forma in tempi brevi.

Le dimenticanze, le inadempienze e la morte sul lavoro

IMG_20141129_172639

Non passano nemmeno 24 ore e alla morte di Luana segue la morte in fabbrica di Christian Martinelli, 49 anni e una famiglia, preoccupato perché al lavoro erano in pochi.

A uccidere il lavoratore non sono le dimenticanze e le inadempienze. È bensì la cultura e il contesto di valori e finti valori che ne determinano la loro affermazione come standard non rivelato, perseguito strenuamente.

Quando il vostro responsabile vi parla di resilienza, di eroismo, di disciplina non crederete mica che parli sul serio? La cosa importante è il premio produzione che prendono lui e chi per lui. Dietro un morto sul lavoro spesso c’è una figura che lima tutti i costi, compresi quelli per la sicurezza, che non sono i corsi, i cartelli, ma una equa distribuzione del carico di lavoro. È giusto odiare queste figure dentro le quali alberga un uomo che magari tiene famiglia, ma che non dovremmo in nessun modo giustificare. Lo dovremmo odiare.

Prima di rinunciare all’odio perché non è riformista e moderato pensate sempre al premio produzione di chi taglia i costi.

Più odio e meno fotografie.

Il Cenotafio delle Illusioni

FB_IMG_1476462021500

Il Cenotafio delle Illusioni

La sua capacità d’adattarsi cessò
d’esistere al risveglio una mattina
quando tra i calzini e le mutande
scovò il cenotafio delle illusioni
che alla sua vita dettero il suono
d’un infinito lamento felino.
Poi nell’automobile del secolo prima
piena di scorie parlanti un sonno
convulso e millenario e come ogni mattino
la commovente alba appesa
dietro la rampa d’ingresso della tangenziale.
Scalare due marce, procrastinare,
pensando al solito
“quante ore del cazzo alla guida”
e accelerare nel mistico silenzio autostradale.
Qualcuno dei tanti che dissero qualcosa
Ed era prevedibile
A fine giornata finì per avere ragione
Avendo comunque tirato una cazzata.