Il passaggio dal vinile al cd

IMG_20141129_172639

Tra i tanti fenomeni inspiegabili e perniciosi del nostro recente passato il passaggio dal vinile al cd all’inizio degli anni 90. Supportato dal moltiplicarsi delle voci, quasi mai autorevoli, sulla qualità del suono, sulla indistruttibilità del supporto, sulla comodità di stoccaggio, il passaggio avvenne senza che nessuno veramente protestasse. Tutti contenti di comprare un supporto indistruttibile con incisa sopra della musica di buona qualità e pagando almeno per un decennio dei prezzi spaventosi se rapportati al costo di realizzo dell’oggetto e dunque le case si sono riempite di questi oggetti di plastica scadente a cui nel tempo si sono incrinate le custodie, spezzati i fragili supporti della parte apribile, impolverata la superificie esterna che per non so quale motivo chimico diventa al contatto con la polvere appiccicosa come una pentola dove è stato cotto il sugo. Ma almeno il supporto sarebbe stato eterno.

Io ero dubbioso. L’odio per l’aspetto alimentava i dubbi sulla bontà delle ragioni dell’avvento del cd. E ho continuato a comprare le versioni limitate in vinile. Poi ho comprato anche qualche cd, ma pochi. Però ad alcuni sono affezionato.

Il supporto del resto è eterno. Almeno quello.

Stamani sono andato a prendere un cd dalla libreria per ascoltarlo mentre cucinavo. Una compilation del 93 di una collana chiamata Volume. Il n. 6. Uno di quelli a cui sono affezionato
A metà del primo brano comincia a impallarsi. Il disco è intatto, la superficie non ha graffi, ditate, olio di schiacciata spalmato sopra, non è stato maneggiato dai bambini. Ed io sono uno che tratta veramente bene i dischi e i cd.
Insomma è arrivato al famoso fine vita che alcuni già all’epoca prevedevano per questo supporto eterno.

Quello che io mi chiedo oggi come ieri è: quelli che sostenevano la campagna di propaganda fatta di grandi verità scientifiche senza base li pagavano? Gli mandavano a casa degli stock di cd gratuiti?
Ditemelo voi che sostenevate il cd, vi pagavano?
E adesso per fare i replicatori di slogan vi pagano?

ABBIAMO CEDUTO SETTEMBRE AL NEMICO

FB_IMG_1476462021500

ABBIAMO CEDUTO SETTEMBRE AL NEMICO

Abbiamo ceduto settembre al Nemico
fingendo di fingere una resa.
Ripiegando nel piano dove fuggire è un suicidio,
con l’abito bello per le ore gagliarde.
E percorso il non distinto
fino al termine di ogni recriminare
per arrivare all’aperto e stupirci
di non avere inseguitori
come acque di un fiume non più vero,
come rami di un delta senza mare.
La Fine della Guerra
è il luogo dove siamo arrivati.
E alla fine della guerra,
non ci sono più la guerra,
non ci sono più le icone,
non ci sono le attese spartizioni.
C’è solo la frontiera
tra due stati senza confine
e un canto residuo da un tempo,
da tempo inascoltato.

La rassicurante copia della bacheca

IMG_20141129_172639

È rassicurante vedere che, a prescindere dalle conoscenze, dall’appartenenza politica e dalla collocazione sociale, si abusa sempre degli stessi vocaboli e delle stesse movenze. Però adesso non è più necessario fare complesse ricerche d’archivio per dimostrare la viscida e surrettizia ipocrisia che anima le dichiarazioni di certi campioni della politica, dell’impegno, della cultura. Adesso basta farsi una copia della bacheca altrui.

La merda di Riporto (pensando a Eugenio Montale nel 2019 sulla spiaggia di Riotorto)

fb_img_15316522333981293899594.jpg

Nell’ora in cui il dubbio ad alcuni
apre crepacci nei fianchi
mentre altri che ricevettero telegrammi
con dettagliate istruzioni di montaggio
s’innestano il fucile nel braccio,
seduto in retroguardia nell’ombra a noleggio
di un ombrello biancoblù, penso
al fiume che avanza verso il loco ameno,
alla grande marea di merda di riporto.
E vedo
un padre di famiglia con cappello militare
trascinare un canotto al guinzaglio
sulla spiaggia di Riotorto.