“L’oscuro patrimonio (estratto)” anteprima di un progetto segreto

IMG_20210812_154851.jpg

Io, Jacopo Andreini & Gigi Fagni stiamo segretamente lavorando a una bella faccenda di cui questo modesto, ma volenteroso, contributo video non è che una parte infinitesimale.

Prima di una serie di anteprime che speriamo siano poche. Il che significherebbe che il progetto ha trovato una forma in tempi brevi.

I play my own music | Un ricordo di Amiri Baraka

A Pistoia tra il 2 e il 6 giugno 2005 si tennero due manifestazioni poetiche in contemporanea. Una istituzionale e molto costosa e l’altra molto economica, spontaneista e completamente priva di profilo istituzionale benché finanziata (scarsamente) con soldi pubblici. La seconda era la nostra [Ass Cult Press]. Si chiamava “A Grandi Falcate” (magnis itineribus) e venne organizzata all’impronta, con fondi scarsi (eufemismo) che ci obbligarono a inventarci strumentazione, scenografie, metodi promozionali e tutto ciò che serve all’organizzazione di un festival. Fu un inaspettato successo di pubblico e di “vita”. Si radunarono molti amici e, al solito, i nemici brillarono per la loro assenza e le loro opinioni fondate sull’assenza. Alcuni sodalizi si rinsaldarono, altri ne nacquero, si trovò il tempo per un grandissimo pranzo in montagna, per un aperitivo al circolo Ho Chi Minh che nessuno si sarebbe mai aspettato. Il mio personale ricordo di Amiri Baraka sarà per sempre legato all’atmosfera di quei giorni di amicizia ed entusiasmo e a quelle due volte che ci siamo parlati.

Amiri Baraka era nel programma dell’altra manifestazione, quella istituzionale, ma indubbiamente si sarebbe sentito più a suo agio in nostra compagnia. L’incontro avvenne a un’ora tarda della notte tra il 5 e il 6 giugno, come testimonia la foto con la serranda chiusa del Vecchia Praga (noto pub sito in Piazza della Sala – Pistoia), agevolato dal caso, da una bottiglia di vino e grazie all’aplomb, alla prontezza di spirito e all’inglese perfetto di David Napolitano che trasformò prontamente il nostro notare la presenza di Amiri Baraka in Piazza della Sala in un invito. Si fece incontro ad Amiri Baraka chiedendogli: “Mr. Baraka gradisce un bicchiere di vino in nostra compagnia?” (in inglese ovviamente). E Mr. Baraka accettò senza indugi.

Si fermò con noi fino alla famosa ora incalcolabile. Parlammo a lungo e di innumerevoli cose. Nel frattempo apparvero altre bottiglie di vino come conigli dal cilindro del Mago.

Prima di congedarci qualcuno nella compagnia disse ad Amiri che a Pistoia esisteva un luogo dove avrebbe dovuto necessariamente leggere le sue poesie. E che quel posto si chiamava (e ancora si chiama) Circolo Ho Chi Minh.

E Baraka rispose così: “Come si chiama questo posto? Ho Chi Minh? Mi piace. Ci sarò. Sarà possibile bere del buon vino?”.

Il giorno seguente Amiri Baraka e la moglie Amina si presentarono al Circolo e quello che successe è nella memoria di quei pochi che ebbero la fortuna di assistere alla sua lettura. La cosa che mi fa piacere ricordare è la battuta con cui rispose a chi gli chiese se avesse voluto un accompagnamento musicale per la sua lettura.

“I play my own music!”

image
Amiri Baraka con Sarah Humphryes, David Napolitano, Jacopo Andreini e Simone Molinaroli

 

 

Amiri Baraka al Circolo Ho Chi Minh di Pistoia | 6 giugno 2005
Amiri Baraka al Circolo Ho Chi Minh di Pistoia | 6 giugno 2005

Le fotografie sono di Caterina Tritto.

Il Complotto di Maracas | Simone Molinaroli & Jacopo Andreini | aprile 2013

 

Alla fine di una cena accompagnata dal Bardolino e dal nobile di Montepulciano Simone Molinaroli e Jacopo Andreini, certi di saperlo fare ancora, suonano una poesia. È la quasi inedita “Il Complotto di Maracas” che è stata inserita nella plaquette “Scritti per la Fine del Mondo”.

Riprende col telefono Scott Rosenberg.

 

IL COMPLOTTO DI MARACAS

In quella stanza dov’eravamo rifugiati,
qualcuno alzò una mano
per chiedere aiuto o salutare.
Qualcuno provò a parlare
in quella stanza
dov’eravamo rifugiati.
Un Complotto di Maracas ci disabituava al silenzio.
Ci parlammo con voce coraggiosa
mentre lui, Quello della Mano,
nello sfondo scompariva
dietro i musicanti.
(pensammo che fosse solo la mano
a smettere di muoversi
e non l’intero corpo)
In quella stanza
si scremarono le ambizioni,
un complotto di conchiglie e analgesìa
ci depistò, sterminò, sradicò,
terminò l’idea di progresso
il respiro e la storia stessa.
Poi tornammo nel silenzio
per cercare Quello della Mano,
che nessuno trovo mai più.

 

 

da “Scritti per la Fine del Mondo” (Ass Cult Press, 2013)

Simone Molinaroli
Tutti i diritti riservati © 2013

 

http://www.simonemolinaroli.org
http://afoforomusicclub.blogspot.it

 

Ristampe imperdibili & Crowdfunding

Sabato 16 marzo alla Libreria Lospazio di via dell’Ospizio parlerò del progetto di crowdfunding legato alla ristampa de “La Felicità Terribile” di Andrea Betti. Lo farò insieme all’autore, a David Napolitano e Cecilia Lattari accompagnati dalla chitarra dal valente Alessio Chiappelli. Parleremo del libro, di Ass Cult Press, del crowdfunding e leggeremo qualche estratto dal libro. Secondo me sarà una gran bella giornata.

 

Ci sarà da mangiare e da bere e Andrea esporrà anche i suoi fotomontaggi di straziante attualità (MediaEVO)

Sarà possibile prenotare una copia del libro e per chi avesse precedentemente prenotato sul portale Produzioni dal Basso (www.produzionidalbasso.com) pagare la propria quota senza passare attraverso i normali canali di trasferimento.

Tutto quello che c’è da sapere:
16 marzo 2013
dalle ore 17 presso
Lo Spazio di via dell’ Ospizio
via dell’ospizio 26/28 – Pistoia
lo-spazio@libero.it
057321744

image

image

dagli archivi: Suicidio-a-Mano

Un’altra traccia dagli archivi di Ass Cult Press. Io leggo Suicidio-a-Mano da “Cani al Guinzaglio nel Ventre della Balena”, Jacopo Andreini mette le musiche. Registrato a casa sua. Anno imprecisato.

 

 

 

SUICIDIO-A-MANO
Mi calpestano le visioni
le atmosfere da film giallo
cingolate e pigolanti.
Non esistono bambini impermeabili
in questo cinema dove il cielo
come un ghiacciolo si scioglie sulle mie dita.
Non esistono bambini impermeabili
nel supermarket nostalgico dei ricordi sottovuoto,
nell’ano catodico che partorisce
scuregge dentifricie e culi station wagon.
Nessuno feconda quest’epoca di catenacci
donano tutti sperma troppo freddo
sperma troppo scremato
in plastico volo nell’orizzonte automatico.
Durante il giuramento degli allibratori
il gonfaloniere del nulla annuncia la fine del mondo
e canta la-la-la
prima o poi doveva succedere.

da Cani al Guinzaglio nel Ventre della Balena” (Fara, 2009)

Simone Molinaroli
Tutti i diritti riservati © 2013